Dove e quando

  Knowledge Area

  09.06.2018

  17:00-19:00

Descrizione dell’evento

Incontro e dibattito sul tema dell’arte nella città e del suo rapporto con le istituzioni.
Un tentativo di far luce su alcuni aspetti ancora poco conosciuti del mondo dell’arte urbana.

Interventi a cura di:

  • Simone Pallotta, curatore e produttore culturale
  • Pietro Rivasi , curatore e produttore culturale
  • Collettivo FX, artista
  • Guerrilla SPAM, artista
  • MeP, Movimento per l’Emancipazione della Poesia
  • Ivana de Innocentis, autrice e scrittrice
  • Alessandra Ioalè, curatrice

BIO Simone Pallotta

Curatore indipendente, dal 2006 lavora a progetti di arte pubblica integrata e progetti culturali crossover.
Nato nel 1979 a Roma, cresciuto nel mondo del Writing e formatosi come storico dell’arte, decide di intrecciare la conoscenza dell’arte urbana alla preparazione umanistica ideando e realizzando progetti dove l’arte e la città siano due elementi di un più ampio scenario di confronto e innovazione culturale.
Ha curato e realizzato progetti con alcuni dei più importanti artisti urbani internazionali: Blu, Momo, Agostino Iacurci, Borondo, Aryz, 108, Edoardo Tresoldi e Sten & Lex.

Links

BIO Pietro Rivasi

Ha collaborato con alcune delle più importanti riviste e siti web di settore italiane (Stradanove.net, Garage magazine, Graff zoo), organizzatore di festival legati all’arte urbana dal 2002 (Icone, Quadricromie). Tra il 2009 ed il 2012, ha curato tutte le esposizioni dello Spazio Avia Pervia e dal 2012 è socio di D406 Fedeli alla linea, galleria specializzata in disegno ed illustrazione. Nel 2016 ha curato “1984. Evoluzione e rigenerazione del writing” per la Galleria Civica di Modena.

Perché writing e street art solitamente entrano negli spazi espositivi sottoforma di tele, pannelli o sculture? Ci sono altri modi, oltre allo sradicamento ed alla decontestualizzazione delle opere realizzate in strada o alla trasformazione di queste esperienze in classiche arti da “studio”, per ottenere rinascimenti istituzionali o accedere ad un mercato che possa garantire all’artista di continuare ad operare in piena libertà?

Links

BIO Collettivo FX

Sono un componente del collettivo fx e curatore di arte pubblica.
Come collettivo fx ci occupiamo di intervenire nei contesti urbani coinvolgendo il tessuto sociale o di affrontare argomenti di attualità legati ai territori. Siamo attivi dal 2010, come base abbiamo Reggio Emilia ma ci muoviamo su tutto il territorio nazionale.

Cercheremo di focalizzare i significati e i ruoli dell’arte pubblica attraverso al condivisione di idee e soprattutto di esperienza.

Links

BIO Guerrilla Spam

Guerrilla Spam nasce nel novembre 2010 a Firenze come spontanea azione non autorizzata di attacchinaggio negli spazi urbani. Dal 2011 si susseguono numerosi lavori in strada in tutta Italia e all’estero, che mantengono un forte interesse per le tematiche sociali e per il rapporto tra individuo e spazio pubblico, prediligendo l’azione urbana illegale all’evento più ufficiale e autorizzato.

Links

BIO MEP

Il Mep è un movimento artistico e sociale fondato a Firenze nel 2010, il cui scopo principale è quello di infondere un rinnovato interesse per la poesia nella nostra società contemporanea. Il movimento parte dal concetto di emancipazione di una poesia che sia svincolata dal lucro, dalle idee politiche, dalla fama e dalla standardizzazione dello stile e dei temi. Il movimento espleta la sua opera di sensibilizzazione in vari atti, molti dei quali hanno luogo in strada, operando nell’anonimato.

Links

BIO Ivana De Innocentis

Social media specialist, blogger, reporter ed esploratrice. Scrive di graffiti, cultura underground, viaggi, lifestyle. Da 3 anni docente e consulente di social media marketing, storytelling, personal branding. Founder del sito e progetto internazionale “Urban Lives”, sulla street art e il graffiti writing e autrice del libro “Urban lives: due anni di viaggi alla scoperta della street art italiana” edito da Flaccovio Editore.

Urban Lives, un blog e un libro ma soprattutto un nuovo modo di raccontare in prima persona arte urbana e graffiti attraverso viaggi, progetti indipendenti internazionali ed eventi a sostegno di iniziative sociali nate dal basso.

Links

BIO Alessandrà Ioalè

Storica dell’arte e curatrice d’arte indipendente. Nel 2016 scrive il libro “Panico Totale. Pisa Convention 1996 – 2000”, che documenta la storia di una delle manifestazioni più importanti nata dal basso e cresciuta per cinque anni nella città di Pisa diventando uno degli eventi italiani cult per quanto riguarda il graffiti writing e la cultura Hip Hop anni ’90. Cura progetti espositivi e attività culturali collaborando con diverse gallerie italiane. Scrive per riviste d’arte contemporanea.

Links